Nel problema c'è la soluzione

Soluzioni creative per affrontare l'emergenza Covid-19 tra i Gruppi di Consumattori consapevoli   aggiornato al 03/04/2020

In questa pagina stiamo raccogliendo diverse soluzioni creative messe in atto da alcuni gruppi amici, sperando che siano da stimolo ad altri: se si vuole, si può! (Grazie di cuore a chi ha stimolato questi scambi nella lista RES ed altrove!)


La distribuzione, se ben gestita, può essere molto più snella e meno pericolosa di una spesa al supermercato
."

                                                                                                                                                Diana Serranzetti - Marche -

1. Come mostrano le indicazioni di DES e reti di GAS, è possibile coniugare l'osservanza delle direttive governative con il presidio solidale 'aggiornato' dei nostri sistemi di relazione
2. è importante raccogliere gli appelli dei nostri produttori messi in crisi dagli effetti collaterali dell'emergenza virus, mantenendo ferma l'opposizione del 'consumo critico' contrapposto alla catena di montaggio delle multinazionali del cibo.
3. è possibile utilizzare l'occasione per reagire con modalità resilienti alla situazione di crisi, cioè facendo emergere con modalità creative capacità e funzioni 'impreviste' dei nostri sistemi di relazioni, come ad esempio la decisione in una RES lombarda di utilizzare delle 'staffette' che effettuano ritiri dai produttori e consegne a gruppi di famiglie gasiste [...]

Davide Biolghini  - Lombardia - 


  •  Vi invitiamo a visitare il sito degli amici di Court Jus, che hanno raccolto informazioni e soluzioni adottate in alcuni comuni della Francia per permettere la vendita diretta dei produttori e favorire la riapertura dei mercati contadini. 

    Visita (sito in lingua francese)

  • La Rete Romana di Economia Sociale e Solidale ha lanciato una campagna per organizzare "gruppi d'acquisto condominiali". Visita la piattaforma:

    Qui una lettera della socia Lidia Tusa sulla spesa ai tempi del COVID19  
    Leggi

  • Qui potete iscrivervi ad una mailing list moderata a tema "gas" in cui in questi giorni stanno girando idee e consigli interessanti
    Iscriviti

  • Qui potete firmare la petizione di Campi Aperti indirizzata al sindaco di Bologna per riaprire i mercati contadini
    Firma

...alcuni esempi di "risposte creative"...

RES LOMBARDIA

Organizzarsi in 'staffette' che effettuino ritiri dai produttori e consegnino a gruppi di famiglie gasiste.

------------

GAS MARCHE

  1. Contattare le autorità competenti, in modo da essere tranquilli e sapere di poter operare nel rispetto delle regole 
    Abbiamo dovuto individuare la persona giusta, che sapesse che cos'è il gas e che potesse spiegare bene a chi di dovere le nostre modalità. Ho contattato un consigliere comunale che poi si è interfacciato con la prefettura. Ci hanno dato l'ok a patto che le disposizioni vengano rispettate

  2. Evitare l'utilizzo dei soldi e passando tramite bonifico e satispay
    Il bonifico consiste nel fare un conto totale per gasista. Il gasista verserà l'importo nel conto del GAS e il GAS pagherà i fornitori.

  3. Il ritiro sarà in ordine alfabetico con orari precisi
    ci sarà una persona che farà entrare tre macchine o quattro macchine alla volta. Il gasista arriva, ritira e se ne va. Il referente sistema tutto e poi se ne può andare. Per evitare assembramenti abbiamo aumentato la durata della distribuzione da 2 a 4 ore.

Abbiamo fatto un lavoro logistico non indifferente e capillare, 
Domani il ritiro sarà praticamente autogestito, tutto questo ha richiesto un lavoro non indifferente da parte dei referenti e del consiglio, ma appunto...così ci siamo riusciti...o almeno spero. 

Diana Serranzetti - Marche -

                                                                         -----------

                                                                GAS DI MUGGIA

Carissimi/e tutti/e, il nostro G.A.S. si avvia al decimo anno. In questo periodo abbiamo avuto la fortuna e il privilegio di incrociare le vostre strade, vi abbiamo conosciuto e apprezzato, e abbiamo fatto delle cose assieme: comperato i vostri prodotti, organizzato con voi incontri, corsi e lezioni , imparato a coltivare e autoprodurre il nostro cibo . Siete tantissimi, quasi cento. Se pure siete tutti pezzi unici diversissimi, agricoltori, ortolani, olivicoltori, frutticoltori, allevatori, caseari, apicoltori, erboristi, permacoltori, biodinamici, panificatori, sarti, tessitori, magliai, calzaturieri, ricamatrici, cooperatori, architetti, insegnanti, scrittori, sacerdoti, medici, pensionati, utopisti, e poi associazioni, cooperative, aziende, vi rassomigliate tutti per i valori alla base del vostro vivere: rispetto della natura e della dignità delle persone. L' etica di cui si alimentano i Gruppi come il nostro . Per noi è stato semplicemente impagabile godere delle vostre produzioni. Sapere chi e come ha prodotto il cibo che abbiamo in tavola, chi e come ha prodotto ciò che indossiamo, è qualcosa di antico. E' nella storia di un Paese che non c'è più, ma che il vostro lavoro ci consente di rivivere. 

Scarica il pdf per leggere il testo completo della lettera

                                                                leggere la lettera


RESS - Roma


CAMPI APERTI - BOLOGNA

Hanno organizzato in tempo record (meno di una settimana!) un sito per raccogliere ordini ed un sistema di distribuzione a domicilio o in punti di ritiro estemporanei:  www.campiaperti.it

----------

INTERGAS FIRENZE

Breve reportage fotografico della consegna intergas fiorentina: