Report Co-Produzioni

27/11/2017


Buongiorno a tutte e a tutti amiche e amici coproduttori,

I risultati ottenuti dai diversi soci dimostrano come questa coltura sia ancora da esplorare e come le condizioni micro-climatiche influenzino molto lo sviluppo degli alberi e la risposta ai vari stress. I nostri soci tra l’altro stanno applicando tecniche colturali diverse, consigliandosi fra loro e sperimentando metodi di adattamento delle tecniche stesse alle esigenze specifiche: turni di irrigazione, copertura vegetale del suolo più o meno fitta (nel caso di Bagolaro “molto fitta”).

Anche io fuori dalle coproduzioni come molti altri soci ho messo a dimora una decine di piante e sto verificando come le piante giovani “protette” da altre piante adulte si sviluppano meglio nelle prime fasi della loro vita. Per quanto riguarda la formazione avevamo iniziato un percorso formativo con DEAFAL ong avendo come formatore Jairo Restrepo Rivera, agronomo di fama internazionale per l'agricoltura organica e rigenertiva con grande esperienza nella coltivazione dell'avocado, ma causa Lock-Down abbiamo dovuto rimandare il corso all'anno prossimo.

Ma torniamo ai coproduttori siciliani di avocadi:

Francesco Morabito

Le piante sono in buone condizioni, nessun problema particolare. Le fioriture cominciano ad essere abbondanti e Francesco si auspica una buona allegagione. L’anno prossimo riceverete i primi frutti.

Mario Cutuli

Anche da Mario l'impianto si presenta abbastanza bene, le piante sono in piena fioritura e si spera possano produrre un migliaio di chili di frutti. Buon appetito!

Don Cecè - eredi Melfa

Piante in buona salute, ottima fioritura e grazie alle api che Cesare aveva inserito nel giardino iniziano a vedersi i primi frutti. Le condizioni climatiche fin qui sono favorevoli e contribuiscono ad un buono sviluppo degli alberi. Così come Cesare aveva iniziato da "Don Cecè" si continuano ad innestare piante riprodotte da seme grazie all’esperienza maturata dall’ operaio storico Carmelo. A gennaio è stato realizzato l'impianto a pioggia, un progetto a cui Cesare teneva molto e che gli eredi Melfa hanno onorato.

Sotto i Pini - Paolo Costa

Le piante sopravvissute stanno abbastanza bene, tranne qualcuna che stenta e che sarà sostituita, le ultime piante messe a dimora sono in ottime condizioni, tutte sono in pieno ricambio delle foglie. La maggior parte delle piante presentano abbondante fioritura che Paolo sta provvedendo ad eliminare per rafforzare lo sviluppo delle piante, ad eccezione di qualche fiore lasciato nelle piante più vigorose. La Persea mite, un acaro che attacca le foglie adulte si è presentato anche qui, ma non arreca danni importanti ed è naturalmente contrastato dagli insetti antagonisti. Dopo 2 anni posso si può senza dubbio affermare che la tolleranza al freddo è migliore per i Fuerte.

Bagolaro - Cinzia Managò e Diego Bongiovanni

Condizioni di salute delle piante ottima, molto rigogliose.Le piante hanno avuto una discreta fioritura,seppur una scarsa allegagione. In azienda si pratica inerbimento spontaneo con sfalcio tardivo. La tecnica ha consentito di ripristinare la biodiversita’ erbacea ed arbustiva devastata da anni di pascolo intensivo. Gli sfalci verranno quindi effettuati quindi a fine maggio-meta’ giugno compatibilmente con le criticita’ aziendali per permettere alle spontanee di andare a seme.

Mico e i coproduttori